Skip to content

7 Passi per creare facilmente un Blog di Viaggio ed essere visibile!

 

Se anche tu hai quella spina conficcata per creare un blog di viaggio, personale o per la tua azienda turistica, come un alloggio, una casa rurale, un’agenzia di viaggi, servizi di guida turistica. In questo post dettagliamo tutti i passaggi che dovresti segui per raggiungerlo, oltre ad alcuni suggerimenti molto utili.

Forse hai preso in considerazione questa idea perché sei un viaggiatore incallito e vuoi raccontare le tue gesta di viaggio e farle conoscere pubblicamente. O forse sei interessato a promuovere la tua azienda turistica, il tuo prodotto di viaggio, il tuo marchio di valigie… O semplicemente saresti appassionato di essere un influencer di viaggio o un blogger… E hai visto che creare un blog non è molto difficile.

Ma quali sono i passaggi per creare facilmente un blog di viaggio ed essere visibile su Internet?

Come creare un blog di viaggio passo dopo passo e facilmente

Non ti inganneremo, se non hai mai fatto qualcosa di simile, dovrai imparare alcune cose di base e avere un po’ di tempo. Ma d’altra parte, tutto si può ottenere con un po’ di pazienza e voglia, e sicuramente ce l’hai!

Inoltre, ci sono un sacco di modi per creare un blog, a seconda degli strumenti che decidi di utilizzare. In questo caso, ti guideremo attraverso gli strumenti utilizzati dal nostro blog Il mio bagaglio a mano, perché riteniamo di aver utilizzato buone opzioni.

Tieni presente che questa procedura può aiutarti sia a sapere come creare un blog di turismo e viaggi, sia a creare un blog su qualsiasi altro argomento.

Dobbiamo cominciare?

1. Definisci il tuo obiettivo e il tuo progetto

Hai già un obiettivo chiaro?

Questo è, senza dubbio, il primo dei passaggi per creare un blog di viaggio e l’ideale è averlo il più chiaro possibile sin dall’inizio. In modo che tu possa concentrarti su di lui in ogni azione che fai.

Per fare ciò, prova a rispondere alle domande di:

  • A quale pubblico voglio rivolgermi?
  • Con cosa contribuirò nel mio blog?
  • Quale proposta di valore posso offrire che il resto dei blog sullo stesso argomento non faccia già?
  • Quali strumenti/conoscenze ho?
  • Sono disposto a mantenere e creare contenuti frequentemente ea lungo termine per questo progetto?
  • Ho una strategia per creare contenuti, temi.?
  • Qual è il mio budget di avvio? (anticipiamo già che non avrete necessariamente bisogno di una grande quantità)
  • Quanto tempo libero devo dedicare alla creazione di un blog di viaggi e turismo?

Se hai ancora diversi punti da definire, non preoccuparti, perché con i seguenti passaggi finirai sicuramente di definire la tua idea di blog.

2. Crea un dominio per il tuo blog e registralo

È giunto il momento di scegliere il nome e il dominio del tuo blog, che nervi!

Un dominio di un blog di viaggio può essere solo uno di un gruppo o può diventare un marchio noto.

In generale, quando si sceglie un nome a dominio per un blog di viaggio, si consiglia di:

  • Semplifica la scrittura e la memoria (domini brevi e originali tendono a facilitare l’immagine del marchio)
  • Rendilo leggibile.
  • Che definisce il tema del blog o del sito web.
  • Evita trattini, numeri o la lettera “ñ”.
  • Che utilizzi un’estensione appropriata (.com,.es,.net,.info,.club,.online.) L’estensione.com è solitamente la più popolare, ma questo punto è sempre meno importante e stanno guadagnando di più e più peso le estensioni meno conosciute.

E soprattutto. che il dominio sia gratuito!

Per scoprire se la tua idea di dominio non è già stata presa da qualcuno, puoi verificarla direttamente dal web server che assumi (lo vedremo nella prossima sezione) o da un registrar di nomi di dominio, come Namecheap (anche se in seguito lo faresti devi fare un’impostazione di reindirizzamento di base, questo strumento è più facile da usare e puoi entrare in possesso del tuo dominio mentre pensi a quale server scegliere).

Pertanto, questa seconda opzione è quella che consigliamo.

Registrare un dominio è molto semplice e puoi acquistarlo valido per un anno (e poi rinnovarlo se interessati) o fino a dieci anni.

Il prezzo di un dominio dipende dall’estensione. Normalmente, le estensioni.com costano un po’ di più (circa € 10 o € 12 all’anno) e le estensioni meno popolari hanno prezzi più convenienti.

3. Assumi un server/hosting e installa WordPress

Affinché un sito Web funzioni, è essenziale che sia ospitato su un server o un hosting.

Attualmente ce ne sono molti che valgono la pena, con prezzi competitivi e che offrono numerose funzionalità (Siteground, Raiola Networks, Webempresa, Hostinger, Nicalia, Cubenode.)

Se esiti a sapere quale hosting di qualità scegliere per il tuo blog di viaggio, possiamo consigliarti quello che utilizziamo, Siteground, con un ottimo supporto e ad un buon prezzo per la qualità dei servizi che offre. Inoltre, offre la possibilità di configurare molti aspetti dell’ottimizzazione web attraverso il suo plugin SG Optimizer.

Pagare per un buon server web è molto utile se vuoi creare un blog di viaggio professionale o qualsiasi altro argomento.

Quindi assumi il piano più adatto ai tuoi interessi e una volta che hai un server con contratto, puoi apportare tutte le modifiche necessarie per il tuo sito Web o blog, come acquisire un dominio, installare WordPress, ottimizzare le impostazioni, aggiungere un’e-mail. E molti altri altre caratteristiche che non approfondiremo in questo post di base sulla creazione di un blog di viaggio.

**Nel caso in cui hai acquistato il tuo dominio da un registrar di domini di terze parti come Namecheap, ricorda di eseguire un reindirizzamento DNS. Questo è un passaggio molto semplice, ma indispensabile se vuoi che il tuo sito web inizi a funzionare. Ecco un mini tutorial per imparare a farlo ;)**

Una volta che il tuo dominio è pronto, è ora di iniziare il tuo blog!

Per fare ciò, avrai bisogno di un CMS (Content Management System) e dovrai anche installarlo dal tuo server web.

Il più consigliato è WordPress. Gratuito e molto facile da usare per i profili non sviluppatori.

Puoi installare facilmente WordPress dal tuo server web. Ecco come farlo da Siteground.

Altri CMS che puoi utilizzare sono Joomla, Drupal, Blogger.

4. Aggiungi un tema o un modello al tuo blog

Hai già un dominio per il tuo blog di viaggio, hai un server web per ospitarlo e hai WordPress per modificarlo, cos’altro ti serve?

Bene, la prossima cosa di cui avrai bisogno è un modello, un tema o un tema che dia design e stile al tuo blog.

Ce ne sono molti, alcuni gratuiti, altri a pagamento, alcuni con più funzionalità di altri, alcuni con velocità di caricamento migliore di altri.

Quindi sta a te indagare e scegliere quello che ritieni più adatto al tuo blog.

Nel nostro caso utilizziamo il template Divi, un template a pagamento ma molto molto completo, perché il suo grande vantaggio è che include un web builder intuitivo con il quale puoi creare magnifici design per pagine e landing page, oltre a template predefiniti che permettono hai praticamente finito tutto.

Quindi, se non hai una grande conoscenza del design e vuoi creare un blog di viaggi professionale come questo, lo consigliamo al 100%!

Inoltre, se hai dei dubbi su come realizzare o personalizzare i design con questo modello, in questo blog su Divi hai molti tutorial.

5. Installa i plugin di cui hai bisogno

Manca meno per essere un buon blogger di viaggi!

Il prossimo passo sarà installare alcuni plugin. Cioè, estensioni per aggiungere nuove funzionalità al tuo blog.

Ci sono plugin per fare praticamente qualsiasi cosa sul tuo sito web, ma la cosa ideale e consigliata è usare solo quelli di cui hai veramente bisogno e migliorare il funzionamento del tuo blog.

Allo stesso modo, ci sono plugin gratuiti su WordPress.org e plugin a pagamento.

I plugin generali che vengono solitamente utilizzati sono:

  • Plugin di backup (come UpdraftPlus)
  • Plugin anti spam (come Akismet per i commenti o Wordfence Security)
  • Plugin per ottimizzare la SEO (come Yoast SEO, All in one SEO pack)
  • Plugin per conformarsi alle normative sui Cookie (come Complianz)
  • Plugin per creare un modulo di contatto (come Formidable Form, Contact Forms 7.)
  • Plugin per creare un sistema di prenotazione online (come il Calendario delle Prenotazioni)
  • Plugin per vendere i tuoi prodotti o servizi turistici (come WooCommerce)

A seconda delle funzionalità incluse nel tuo modello web, potresti anche dover installare un plug-in per aggiungere pulsanti di social network, ottimizzare le immagini, aggiungere gallerie di immagini, aggiungere indici, web builder.

6. Pianifica una struttura web e crea i primi contenuti per il tuo blog

Hai già creato tutto ciò che è alla base del tuo blog, e adesso?

Bene, ora è quando inizia il vero lavoro

Ora è quando il tuo blog di viaggio inizierà a prendere forma con tutte quelle storie che non vedi l’ora di scrivere e condividere.

Ma prima di tutto, quello che consigliamo al 100% è pianificare quale sarà la struttura web. In altre parole, in quali categorie tematiche dividerai i tuoi contenuti, come vuoi focalizzarli, quale sarà il tuo calendario editoriale, chi si occuperà di creare tutti i contenuti.

E cosa mettere in un blog di viaggio?

In genere si inizia creando un post di presentazione, alcuni primi post interessanti e le pagine di base (home page, pagina contatti, pagina chi sono, pagina servizi/prodotti, pagina privacy policy.)

Non ti inganneremo! Nel settore dei viaggi e del turismo c’è una concorrenza enorme.

In questo modo, se intendi conquistare un pubblico, ottenere follower e fare in modo che i tuoi testi o le tue storie attirino i lettori, dovrai scrivere in modo chiaro, persuasivo, con contenuti originariamente creati e non copiati da altri blog (nota che Google sa perfettamente se stai copiando e incollando del testo). E, naturalmente, senza errori di ortografia.

In generale, hai bisogno di molti contenuti e, soprattutto, di contenuti di qualità per poter creare un blog di viaggio professionale e guadagnare con esso. Se vuoi imparare a creare contenuti di qualità per il tuo pubblico, ti consigliamo questo corso di scrittura e posizionamentoOltre al testo, puoi anche offrire altri vantaggi come i tuoi video, le tue fotografie. 

7. Indicizza il tuo blog e pubblicalo ai 4 venti

E sono già su Google?

No, ma è rimasto davvero poco!

Se vuoi puoi aspettare che vengano creati dei contenuti per far sapere a Google che sei già qui con il tuo blog. Ecco perché abbiamo inserito questo come ultimo passo per creare un blog di viaggi e turismo.

Per fare ciò, devi creare un account nello strumento Google Search Console e aggiungere il tuo nuovo progetto. Qui puoi anche vedere d’ora in poi quante ricerche hanno i tuoi post, cosa scrivono le persone che trovano i tuoi post o se hai errori di indicizzazione o di qualsiasi tipo.

Per vedere le visite al tuo blog, viene utilizzato Google Analytics. Crei un account, colleghi il tuo blog aggiungendo il codice di monitoraggio fornito da Analytics e il gioco è fatto! Potrai vedere quante persone accedono al tuo blog, da dove provengono le visite, quanto tempo trascorrono a navigare, quali post sono i più visitati e meno. E una miriade di altre impostazioni avanzate.

E quanto tempo ci vuole per posizionare un blog di viaggio?

Ad essere onesti, questo non è immediato. Di solito ci vuole del tempo prima che i primi utenti scoprano il tuo sito web. E sta diventando sempre più complesso ottenere visite con un blog di viaggio, ma non disperate! Ecco alcuni consigli per guadagnare visibilità

Suggerimenti per essere visibili con un blog di viaggio

Come ottenere visite con un blog di viaggio? 

Questa è la domanda che ti poni quando hai già realizzato tutto il tuo progetto e le prime visite non arrivano o arrivano a poco a poco.

Bene, dopo costanza e perseveranza, ci sono alcuni suggerimenti o passaggi che puoi seguire per farlo, prendi nota!

  • Creare contenuti: come accennato in precedenza, è necessario un volume considerevole di contenuti o post per avere maggiori possibilità di raggiungere un pubblico. Idealmente, questo contenuto segue la stessa linea editoriale e ha una sua personalità coerente con il tuo marchio. Quindi mettiti al lavoro e pianifica, scrivi e pubblica tutto ciò che vuoi trasmettere sul tuo blog turistico.
  • Presenta il tuo blog ad amici e conoscenti: questo potrebbe essere il primo passo per iniziare a guadagnare visibilità ed è probabilmente il modo migliore per iniziare. Non ci sono seguaci più fedeli di amici, familiari, contatti e conoscenti.
  • Crea e migliora i tuoi social network. L’ideale è avere una presenza su quei social network dove pensi di poter generare contenuti di qualità e dove pensi possa essere il tuo pubblico di destinazione, che si tratti di Instagram, Twitter, Facebook, Pinterest, Youtube, Linkedin, Tik Tok
    . sai come migliorare i tuoi profili social? Scopri come creare contenuti di qualità sui tuoi social network da qui.
    Come nei contenuti del tuo blog, crea pubblicazioni accattivanti che seguano le stesse dinamiche nei tuoi profili social, interagiscono e aggiungono valore per differenziarti dagli altri.
  • Crea un elenco di iscritti: avere un elenco di persone interessate a ciò che scrivi che ricevono una notifica ogni volta che pubblichi nuovi contenuti è fantastico per proteggere le visite e iniziare ad avere una community. Puoi raggiungere questo obiettivo grazie a un modulo di contatto sul tuo sito Web e persino offrire un magnete guida o un premio per l’abbonamento. Per questo, avrai bisogno anche di una piattaforma di Email Marketing, come Mailchimp, Active Campaign.
  • Fare collaborazioni con altri blog o aziende: un altro buon modo per ottenere visibilità con un blog di viaggio è creare collaborazioni vincenti con altri blog o aziende turistiche (scambi, offerte, lotterie, eventi online.)
  • Esegui SEO: puoi aiutare il tuo blog di viaggio a posizionarsi creando buoni testi ottimizzati, ma puoi anche fare SEO off-page ottenendo link esterni al tuo sito web, recensioni, consigli.
  • Pubblicità: e infine, se tutte le precedenti opzioni gratuite finiscono per portarti abbastanza pubblico, hai la possibilità di pubblicità a pagamento per ottenere visite o follower, sia pubblicità in Google Ads che pubblicità nei social network (Guarda questo  corso per imparare a monetizzare Instagram )

Insomma, se stai pensando di creare facilmente un blog di viaggi e turismo, dovresti sapere che è possibile e non è una cosa troppo complicata. Ma ciò che richiede molto lavoro è creare un pubblico, creare contenuti attraenti per quel pubblico, offrire valore aggiunto, posizionare il tuo marchio ed essere molto costante per molto tempo.

Ci auguriamo che questi 7 passaggi per creare un blog di viaggio ti siano stati di grande aiuto e che presto inizierai a fare il tuo primo passo.

Prenota qui il tuo volo

  Quali sono le alternative ai passeggini pieghevoli per i viaggi in aereo?